CREEX


Creex
Creex

Creex nasce nell’Aprile del 2002. In principio era solo un criceto e le sue avventure si svolgevano all’interno di una gabbia, tra la ruota e un seme di girasole; tutto questo è andato avanti fino all'anno 2005, anno in cui la sottostruttura del personaggio è stata rivista in toto ed è stato sviluppato un nuovo background. In pochi giorni Creex nota i diversi cambiamenti apportati al suo corpo: riesce a stare in posizione eretta, ha due braccia e può parlare con gli esseri umani. Tra i primi mesi del 2006 e gli ultimi del 2007 Creex viene poi abbandonato tra le scartoffie e i disegni ammuffiti. Solo dal 2008 Gianmarco riprende lo studio del personaggio in vista della nascita della rivista "Malefico"; rivedendo ancora una volta la sottostruttura, lo stile e il background del personaggio, questa volta in una versione quasi definitiva. 

Creex, bozzetto, 2009
Creex, bozzetto, 2009

Creex diventa così uno studente universitario che vive a Napoli e al contrario di Topolino non è propriamente un animale umanizzato, ma è vittima del processo inverso. E' un ragazzo rappresentato per come vive: un codardo, uno "sfigato", un nullafacente, come un criceto, vittima dell'alienante realtà quotidiana. Creex è innamorato della bella Gina, ragazza favolosa e sogno irraggiungibile; è un amore mai ricambiato, a senso unico, occasione di repentini sbalzi dalla gioia alla rabbia. Su questo gracile e timido criceto grava il peso di una società in decomposizione e di una città, Napoli, sbranata dalla sua stessa gente. Per questo personaggio inoltre è quasi impossibile un riscatto, sia amoroso che sociale, e la storia “Gabbie” lo dimostra, soffocando egoisticamente ogni anelito di sogno e di speranza con i suoi colori scuri e i disegni graffianti. Creex, quindi, è al tempo stesso un testimone e una vittima dei suoi tempi e convive tutti i giorni con il rischio di soccombere e precipitare nel baratro.